Capo Caccia (con le Isole Foradada e Piana) e Punta del Giglio

DESCRIZIONE

Caratterizzato da falesie calcaree mesozoiche con facies triassiche e cretacee nelle parti più elevate. Nel promontorio di Capo Caccia sono conservate forme relitte di una paleomorfologia continentale molto evoluta, quali valli sospese, e versanti troncati. Nell'insieme le forme del rilievo mostrano caratteri tipici dei territori carsici con drenaggio superficiale delle acque pressoché inesistente. I fondali sono caratterizzati, all'interno della baia di Porto Conte, da ampie distese sabbiose con discontinue coperture di praterie a fanerogame marine. Recentemente l'Ispettorato Ripartimentale delle Foreste che gestisce l'area, ha introdotto un piccolo nucleo di daini ed alcuni esemplari di cavalli della Giara. Tutta l'area è caratterizzata da un substrato calcareo mesozoico, che sostiene garighe e macchie termoxerofile estese su gran parte del territorio. Sono da segnalare in particolare le phrygane a Centaurea horrida e le garighe a ginestre endemiche mediterranee (Genista sardoa e Genista corsica) e i ginepreti (Oleo-Euphorbietum dendroidis) delle aree aperte, mentre nelle falesie prevalgono le associazioni delle rupi marittime della classe delle Crithmo-Limonietea. L'area è caratterizzata dalla presenza sporadica o in piccoli gruppi della rara Anthyllis barba-jovis, che qui ha l'area della Sardegna dove è maggiormente rappresentata. I rimboschimenti a Pinus halepensis sui calcari e a Pinus pinea sulle sabbie, costituiscono la nota forestale di maggiore impatto paesaggistico. Si può considerare uno dei siti più importanti del Mediterraneo per la nidificazione di Gyps fulvus e Hydrobates pelagicus. Grande importanza faunistica per la presenza di specie di interesse zoogeografico.


DESCRIPTION

Featuring Mesozoic limestone cliffs with Triassic and Cretaceous facies in the upper parts. In the promontory of Capo Caccia are preserved relict forms of continental paleomorphology highly developed, such as hanging valleys, and truncated sides. Overall, the forms of the relief show typical features of karst areas with surface drainage of water almost non-existent. The seabed is characterized, within the bay of Porto Conte, from wide sandy beaches with pitched roofs of grasslands in seagrasses. Recently the Inspectorate Ripartimentale of Forests that manages the area, has introduced a small nucleus of fallow deer and some specimens of the Giara horses. The whole area is characterized by Mesozoic limestone substrate, which supports garrigue and termoxerofile spots scattered over much of the territory. They are to be reported in particular in phrygane Centaurea and garigues to Mediterranean endemic gorse (Genista sardoa and Genista Corsica) and juniper (Oleo-Euphorbietum dendroidis) of the open areas, while in the cliffs prevail associations of maritime cliffs of the class of Crithmo- Limonietea. The area is characterized by the presence sporadic or in small groups of rare Anthyllis beard-jovis, which here has the Sardinia area where it is most represented. The reforestation Pinus halepensis on limestone and Pinus pinea on the sands, are the forest known major impact on the landscape. You can consider one of the most important sites in the Mediterranean for the nesting of Gyps fulvus and Hydrobates pelagicus. Great importance of wildlife for the presence of species of zoogeographical interest.


Denominazione

Capo Caccia (con le Isole Foradada e Piana) e Punta del Giglio

Codice

ITB010042

Regione

Sardegna

Superficie (Ha)

7410.00

Lunghezza

0.00

Latitudine

40.609400

Longitudine

8.201700

MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI

Assessorato Difesa dell'ambiente
Decreto n. 55 del 30.7.2008
Approvazione del piano di gestione del ITB 010042 “Capo Caccia (con le Isole Foradada e Piana) e Punta Giglio”

A. Prescrizioni comuni per tutti i piani
A.9) Eventuali habitat e specie delle direttive “Habitat” e “Uccelli” presenti nel territorio non indicati nei piani di gestione o non rilevati in fase di istruttoria sono comunque sottoposti a tutela ai sensi delle medesime direttive e dovranno essere segnalati agli uffici del competente Servizio Tutela della Natura anche se rilevati in una fase successiva all’approvazione dei piani.

Il presente sito è compreso nel perimetro dell’Area Marina Protetta “Capo Caccia – Isola Piana”.
Valgono le misure e i divieti previsti per l’Area marina Protetta “Capo Caccia – Isola Piana”, ai quali si rimanda

MISURE DI CONSERVAZIONE SITO SPECIFICHE

Assessorato Difesa dell'ambiente
Decreto n. 55 del 30.7.2008
Approvazione del piano di gestione del ITB 010042 “Capo Caccia (con le Isole Foradada e Piana) e Punta Giglio”.

Piano di Gestione
Non si rinvengono misure sito specifiche riservate all’attività di pesca.

Il presente sito è in gran parte compreso nel perimetro dell’Area Marina Protetta “Capo Caccia – Isola Piana”.
Valgono le misure e i divieti previsti per l’Area marina Protetta “Capo Caccia – Isola Piana”, ai quali si rimanda

Documenti

Link

Multimedia

Foto non disponibili