Capo Rizzuto

DESCRIZIONE

Il promontorio Capo Rizzuto ha un'altezza massima di circa 20 m con una cima costituita da un esteso pianoro delimitato da ripide scarpate che giungono direttamente sino al mare. La morfologia é strettamente influenzata dall’assetto stratigrafico e dalle caratteristiche litotecniche delle rocce. Esse sono costituite da arenarie e conglomerati ben cementati (carbonato di calcio) ricche in macrofossili che si sovrappongono a sedimenti fini (peliti e marne) facilmente erodibili dall'azione del moto ondoso e delle acque superficiali che provocano numerose frane di crollo di grandi blocchi di conglomerati ed arenarie cementate che andranno a formare i numerosi scogli presenti lungo la costa. I Il sito è in parte coperto da macchia mediterranea termofila a Pistacia lentiscus, Juniperus phoenicea, Phyllirea latifolia e con presenza di Artemisia arborescens, Ruta chalepensis e Thymelea hirsuta. Sulle rupi si rinvengono inoltre fitocenosi alofile caratteristiche dei Crithmo-Limonietalia, con Lotus cytisoides, Crithmum maritimum e Limonium, endemismi ristretti alle rupi che vanno da Capo Colonna a Capo Rizzuto. I pendii argillosi sono caratterizzati da vegetazione a tratti pseudo-steppica per la presenza di graminacee annuali quali Avena sterilis, che predomina su tutte, Briza maxima, Lolium temulentum, Lagurus ovatus e Dasypirum villosum, sia accompagnata, nelle situazioni più evolute, da una flora tipica dei calanchi con specie quali Hedysarum coronarium, Lathyrus odoratus, Cynara cardunculus, Daucus carota, Trifolium sp. pl., Bellevalia romana. Nei tratti meno acclivi e meno influenzati dalla salsedine compare il Lygeum spartum, graminacea perenne tipica dei calanchi argillosi della Calabria e della Sicilia, che svolge un ruolo importante nella stabilizzazione del suolo (Bernardo L. et al., 1994). Molto frequenti sono essenze arbustive moderatamente alo-nitrofile e ritenute pioniere di substrati argillosi-marnosi quali Atriplex halimus e l'endemico Polygonum tenoreanum (Bernardo L. et al., 1994). Sui tratti di litorale di Capo Rizzato compare una macchia bassa ed aperta, a tratti pulviniforme, con essenze dell’Oleo-Ceratonion Br.Bl. 1947. (Olea europaea var. sylvestris, Pistacia lentiscus, Rhamnus alaternus, Phillirea angustifolia e P. latifoglia, Juniperus phoenicea e Myrthus communis, Euphorbia dendroides) con presenza di Artemisia arborescens e Ruta chalepensis.Il sito e' particolarmente importante per la presenza di un lembo relitto di macchia mediterranea delle coste rocciose: tale habitat e' piuttosto raro lungo il resto della costa jonica calabrese, prevalentemente bassa e sabbiosa. Nel sito sono ben rappresentate le fitocenosi alofile rupicole (1240 - scogliere con vegetazione a Limonium endemici) e le comunità' dei suoli argillosi subsalsi (1430). Il sito ospita un endemismo puntiforme(Anthyllis hermannie ssp. brutia) e alcune specie particolarmente rare nel resto del territorio regionale (Juniperus phoenicea, Frankenia hirsuta, Mesembryanthenum nodiflorum, Thymelaea hirsuta ).



DESCRIPTION

The Capo Rizzuto has a maximum height of about 20 m with a top constituted by an extended plateau bordered by steep slopes that reach directly to the sea. The morphology is closely influenced dall'assetto litho stratigraphic and the characteristics of the rocks. They consist of sandstones and well cemented conglomerates (calcium carbonate) rich in macrofossil that overlap with fine sediments (mudstones and marls) easily eroded by the action of waves and surface water, which causes numerous landslides of collapse of large blocks of cemented sandstones and conglomerates which will form the many rocks along the coast. I The site is partly covered with Mediterranean thermophilic in Pistacia lentiscus, Juniperus phoenicea, Phyllirea latifolia and presence of Artemisia arborescens, Ruta chalepensis and Thymelea hirsuta. On the cliffs are found also salt-tolerant plant community characteristics of Crithmo-Limonietalia with Lotus cytisoides, crithmum and Limonium, endemic species confined to the cliffs ranging from Capo Colonna Capo Rizzuto. The clay slopes are characterized by vegetation piecewise pseudo-Steppic for the presence of annual grasses such as Avena sterilis, which predominates over all, Briza maxima, Lolium temulentum, Lagurus ovatus and Dasypirum villosum, it is accompanied, in the most advanced situations, from a flora typical of the gullies with species such as Hedysarum coronarium, Lathyrus odoratus, Cynara cardunculus, Daucus carota, Trifolium sp. pl., Roman Bellevalia. In the lines less steep, and less influenced by the salt appears Lygeum spartum, gramineae perennial typical of clay gullies of Calabria and Sicily, which plays an important role in stabilizing the soil (Bernard L. et al., 1994). Very frequent shrub species are halo-nitrophilous and moderately helpful pioneer of clay-marl substrates such as Atriplex halimus and endemic Polygonum tenoreanum (Bernard L. et al., 1994). On stretches of coast Capo Rizzato appears a low and open stain, sometimes pulviniforme, with Oleo-Ceratonion Br.Bl. essences 1947. (Olea europaea var. Sylvestris, Pistacia lentiscus, Rhamnus alaternus, phillirea angustifolia and P. hardwood, Juniperus communis phoenicea and Myrthus, Euphorbia Dendroides) with the presence of Artemisia arborescens and Ruta chalepensis.Il site and 'particularly important for the presence of a Mediterranean wreck edge of the rocky shores: a natural habitat and 'rare along the rest of the Ionian coast of Calabria, mostly low and sandy. On the site are well represented phytocoenoses halophilous rupicole (1240 - cliffs with vegetation endemic Limonium) and communities' of clay soils subsalsi (1430). The site hosts a point endemism (Anthyllis hermannie ssp. Brutia) and some particularly rare species in the rest of the region (Juniperus phoenicea, Frankenia hirsuta, Mesembryanthenum nodiflorum, Thymelaea hirsuta).


Denominazione

Capo Rizzuto

Codice

IT9320103

Regione

Calabria

Ente responsabile

Regione Calabria

Superficie (Ha)

12.00

Lunghezza

0.00

Latitudine

38.896400

Longitudine

17.096900

MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI

DGR n. 543 del 16 dicembre 2016
Misure di conservazione trasversali per tutti i Siti di Importanza Comunitaria ricadenti nella Provincia di Crotone.
Allegato A

Pesca
-Divieto di utilizzare come esca pesce vivo non appartenente a specie autoctone.
-Divieto di utilizzare qualsiasi forma e modalità di pasturazione, indipendentemente dal materiale utilizzabile per la pastura.
-Obbligo di valutazione d’incidenza per gli interventi di immissione per fini di pesca. Sono esclusi da tale obbligo gli interventi di ripopolamento con soggetti appartenenti a specie autoctone provenienti da allevamento o da cattura.

Valgono anche le misure e i divieti previsti dal Regolamento di esecuzione ed organizzazione dell’Area Marina Protetta “Capo Rizzuto”, ai quali si rimanda.

MISURE DI CONSERVAZIONE SITO SPECIFICHE

DGR n. 543 del 16 dicembre 2016
Delibera di approvazione delle misure di conservazione sito specifiche dei Siti di Importanza Comunitaria della Provincia di Crotone.
Allegato A

Non si rinvengono misure di conservazione sito specifiche riservate all'attività di pesca.

Valgono le misure e i divieti previsti dal Regolamento di esecuzione ed organizzazione dell’Area Marina Protetta “Capo Rizzuto”, ai quali si rimanda.

Documenti

Link

Multimedia

Foto non disponibili