Torre del Cerrano

DESCRIZIONE

Il sito è caratterizzato dalla presenza di importanti biocostruzioni ad opera dell'anellide polichete Sabellaria halcocki su substrati rocciosi presenti nei fondali antistanti la Torre del Cerrano. L'area risulta in stretta contiguità con la fascia di spiaggia antistante caratterizzata da un sistema dunale di grande valore naturalistico, geomorfologico e idrogeologico. Le dune, nonostante gli impatti antropici cui sono sottoposte, ospitano numerose specie vegetali e animali tra cui l'Ammophila arenaria e l'Euphorbia terracina presenti nell'Allegato II della Direttiva Habitat e il Fratino (Charadrius alexandrinus), raro uccello migratore che frequenta la spiaggia per alimentarsi e nidificare che è inserito nell'Allegato I della direttiva 79/409/CEE (Direttiva Uccelli). S. halcocki che può essere considerata una specie rara per le coste italiane, essendo stata segnalata sino ad ora solo in ambienti superficiali del Mar Tirreno, nella zona del Circeo, coesistente con S. alveolata. La sua presenza nell'area costiera di Torre del Cerrano, al momento unico rivestimento per il bacino adriatico, ha pertanto una notevole rilevanza da un punto di vista naturalistico, giustificando un'azione di tutela di questo patrimonio. Il rivestimento di Sabellaria halcocki costituisce inoltre un'importante novità per il bacino adriatico, infatti le altre specie di Policheti rinvenute, e già note in letteratura, sono di piccole dimensioni e adattate alla vita interstiziale. Da analisi di confronto con le specie presenti sui substrati duri (vedi punto 3.3) del Promontorio del Conero, è da notare la presenza di alcune specie presenti esclusivamente a Torre del Cerrano. Infine è da tenere in considerazione la distanza di tali substrati dalle più importanti aree di reclutamento larvale (Conero e Gargano), in considerazione del fatto che questo dovrebbe comportare una marcata fragilità della comunità, che per sopravvivere nel tempo ha bisogno di reclutamento esterno.



DESCRIPTION

The site is characterized by the presence of important bioconstructions by dell'anellide polychaete Sabellaria halcocki on rocky substrates present in the seabed in front of the Tower of Cerrano. The area is in close contiguity with beach front end characterized by a dune of great natural value system, geomorphological and hydrogeological. The dunes, despite the anthropogenic impacts which they are subjected, are home to many plant and animal species including the sandstone Ammophila and Euphorbia terracina present in Annex II of the Habitats Directive and the Fratino (Kentish Plover), rare migratory bird who attends beach to feed and nest which is included in Annex I to Directive 79/409 / EEC (Birds Directive). S. halcocki which can be considered a rare species for the Italian coasts, having been reported until now only in superficial areas of the Tyrrhenian Sea, in the Circeo area, coexistent with S. honeycombed. Its presence in the coastal area of ​​Torre del Cerrano, at the time unique coating to the Adriatic basin, thus has a great importance from a naturalistic point of view, justifying an action for the protection of this heritage. The Sabellaria halcocki coating also constitutes an important innovation for the Adriatic basin, in fact the other species of worms found, and already known in the literature, they are small in size and adapted to the interstitial life. From comparison analysis with the species present on hard substrates (see section 3.3) of the Conero Promontory, it is worth noting the presence of some species present exclusively in Torre del Cerrano. Finally, it is to consider the distance of the substrates from the most important areas of larval recruitment (Conero and Gargano), considering the fact that this should result in a marked fragility of the community, that to survive in the time it needs external recruitment.


Denominazione

Torre del Cerrano

Codice

IT7120215

Regione

Abruzzo

Ente responsabile

Regione Abruzzo

Superficie (Ha)

3415.00

Lunghezza

0.00

Latitudine

42.590300

Longitudine

14.094400

MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI

Il presente sito di importanza comunitaria coincide integralmente sia geograficamente, sia amministrativamente con l’omonima Area Marina Protetta “Torre del Cerrano”.

Valgono le misure e i divieti previsti dal Decreto Istitutivo e dal Regolamento di esecuzione e organizzazione dell’Area Marina Protetta “Torre del Cerrano”, ai quali si rimanda.

MISURE DI CONSERVAZIONE SITO SPECIFICHE

Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano
Deliberazione dell’assemblea del n. 13 del 23 maggio 2017
Approvazione del Piano di gestione del Sito di Interesse Comunitario IT7120215 “Torre del Cerrano”.

Nel Piano di Gestione non si rinvengono misure di conservazione sito specifiche riservate all’attività di pesca.

Valgono le misure e i divieti previsti dal Regolamento di esecuzione ed organizzazione dell’Area Marina Protetta “Torre del Cerrano”, ai quali si rimanda.

Documenti

Link

Multimedia

Foto non disponibili