Fondali Noli - Bergeggi

DESCRIZIONE

La prateria di Posidonia in alcuni punti è degradata a causa di discariche in mare di terre e rocce da scavo realizzate nel secolo scorso; estesa presenza di matte morta. Il coralligeno è ben rappresentato dalle più vistose facies a gorgonie e spugne sugli affioramenti rocciosi a partire dai 38 m; sul coralligeno sono localmente presenti danni causati dagli ancoraggi e dagli attrezzi da pesca persi. Il sito è caratterizzato da una costa rocciosa e coralligena (habitat proposto dalla Regione Liguria come prioritario) e da praterie a Posidonia, habitat di interesse prioritario ai sensi della direttiva 92/43 CEE. Lungo la costa di Noli e Spotorno la prateria di Posidonia presenta formazioni molto superficiali. Di notevole interesse è la ripetuta segnalazione dei fenomeni di fioritura delle posidonie. La presenza di grotte sommerse sull'isola di Bergeggi e sulla costa vicina oltre a rappresentare interessanti esempi di carsismo consentono una elevata ricchezza faunistica. Esemplari delle specie Caretta caretta e Tursiops truncatus sono stati avvistati in prossimità delle falesie continentali e dellIsola. Paramuricea, Corallium, Savalia ed Antipathella impreziosicono il coralligeno di piattaforma. Magnosa, Hippocampus e Homarus sono qui più abbondanti che in altri luoghi del Mar Ligure.



DESCRIPTION

The Posidonia in some places is degraded due to sea dumping of excavated earth and rocks made in the last century; extended presence of dead matte. The coral is well represented by the more showy facies sea fans and sponges on the rock outcrops starting from 38 m; coral are locally present on the damage caused by anchors and from fishing gear lost. The site is characterized by a rocky coast and coralligenous (habitats proposed by the Liguria Region as a priority) and Posidonia meadows, habitats of priority interest under the Directive 92/43 EEC. Along the coast of Noli and Spotorno the Posidonia has very superficial formations. Of great interest is the repeated warning of the flowering of Posidonia phenomena. The presence of underwater caves on the island of Bergeggi and the nearby coast as well as representing interesting examples of karst allow high faunal wealth. Specimens of species Caretta caretta and Tursiops truncatus were spotted on the continental and island cliffs. Paramuricea, Corallium, Savalia and Antipathella impreziosicono the coral platform. Magnosa, Hippocampus and Homarus are more abundant here than in other places of the Ligurian Sea.


Denominazione

Fondali Noli - Bergeggi

Codice

IT1323271

Regione

Liguria

Ente responsabile

Regione Liguria

Superficie (Ha)

380.00

Lunghezza

0.00

Latitudine

44.228600

Longitudine

8.429400

MISURE DI CONSERVAZIONE GENERALI

D.G.R. N. 23 DEL 5 OTTOBRE 2015

Non si rinvengono misure di conservazione generali riservate all’attività di pesca.


MISURE DI CONSERVAZIONE SITO SPECIFICHE

Valgono anche le misure e i divieti previsti dal Regolamento di esecuzione e organizzazione dell’Area Marina Protetta “Isola di Bergeggi”, ai quali si rimanda.

D.G.R. N. 23 DEL 5 OTTOBRE 2015
ALLEGATO B

In relazione all’Habitat 1120 - praterie di Posidonia oceanica:
-È vietato effettuare la pesca a strascico all’interno delle aree, comprese nei SIC e caratterizzate dalla presenza dell’habitat “1170”, anche se ricadenti a profondità superiore a 50 metri di profondità.
-È vietato realizzare nuovi campi di ormeggio per la nautica da diporto nelle aree occupate da habitat sensibili, se non per comprovate esigenze di salvaguardia degli habitat stessi e con tecnologie compatibili con tale obiettivo.
Nelle zone individuate dall’ente gestore con propri atti ufficiali l’ancoraggio delle unità navali è vietato o regolamentato. Sono escluse dal divieto le unità navali che effettuano attività di pesca professionale o attività istituzionali di ricerca scientifica o monitoraggio ambientale.

In relazione all’Habitat “1170 di tipo b” - fondali precoralligeni e coralligeni, presenti indicativamente al di sotto dei 10 metri di profondità:
-È vietato effettuare la pesca a strascico all’interno delle aree, comprese nei SIC e caratterizzate dalla presenza dell’habitat “1170”, anche se ricadenti a profondità superiore a 50 metri di profondità.

Documenti

Link

Multimedia

Foto non disponibili