Area Marina Protetta "Punta Campanella"

DESCRIZIONE

L'Area marina protetta Punta Campanella è una AMP istituita nel 1997. Estesa per una superficie di oltre 1500 ettari, l’area si trova tra le province di Napoli e Salerno, in Campania.
La riserva protegge circa 40 chilometri di costa, e l’area di mare circostante è l’estrema propaggine della penisola sorrentina sulla costa tirrenica.
Punta Campanella è separata dalla Bocca Piccola dall'isola di Capri, ed è sovrastata dal Monte San Costanzo, alto 497 metri, che fa parte della catena dei Monti Lattari; ad est l’area è delimitata, invece, dalla Baia di Jeranto.


DESCRIPTION

The Marine Protected Area Punta Campanella is an MPA established in 1997. Expanded to an area of ​​over 1,500 hectares, the area is located between the provinces of Naples and Salerno, Campania.
The reserve protects about 40 kilometers of coastline, and the surrounding sea area is the extreme offshoot of the Sorrento peninsula on the Tyrrhenian coast.
Punta Campanella is separated from Bocca Piccola from the island of Capri, and is overlooked by Mount San Costanzo, 497 meters high, which is part of the chain of Lattari Mountains; to the east the area is bounded, on the other hand, from the Bay of Jeranto.


Denominazione

Area Marina Protetta "Punta Campanella"

Codice

24

Flora e Fauna Ittica

I circa 40 Km di coste della Penisola Sorrentina sono un susseguirsi di promontori (Punta Campanella ricoperta di macchia mediterranea, ed insenature, tra cui importante è la Baia di Ieranto; falesie a picco si alternano a pareti dolcemente digradanti. Più al largo, dal fondo si ergono improvvisamente alcune secche, vere e proprie oasi naturalistiche in cui si concentrano paesaggi subacquei tra i più belli del Mediterraneo. In questo tratto di mare è possibile incontrare una notevole varietà di organismi bentonici animali e vegetali, a partire dai primi metri per procedere verso ambienti più profondi. Numerose specie di vegetali iniziano a colonizzare il substrato fin dalla fascia di marea; in questa zona predominano le alghe verdi. Con l’aumentare della profondità la flora si modifica arricchendosi di alghe brune e rosse. La Posidonia oceanica, la più diffusa tra le piante superiori marine, forma in alcune aree estese e verdi praterie; esse fungono da barriera all’erosione delle coste e da vero polmone per il mare producendo ossigeno. In alcuni periodi dell’anno è possibile osservarne i fiori, ben nascosti nel fitto fogliame, e successivamente i frutti, che staccatisi dalla pianta vanno a colonizzare altri ambienti. Fra le fronde e i rizomi della posidonia vive una miriade di organismi che nella foresta trova rifugio: ricci (Paracentrotus lividus, Sphaerechinus granularis, Psammechinus microtuberculatus), stelle di mare (Echinaster sepositus), Asterina gibbosa, Marthasterias glacialis, Coscinasterias tenuispina, Ophioderma longicaudum), rosse ascidie (Halocynthia papillosa), briozoi (Sertella beaniana) e molluschi gasteropodi che vivono sulle foglie della pianta o tra le radici sotto la sabbia. I cavallucci di mare (Hippocampus hippocampus, Hippocampus guttulatus) si attaccano con la coda prensile alle lunghe foglie spesso ricoperte da epifiti incrostanti: briozoi, idrozoi, alghe calcaree. L’intrigo delle fronde rappresenta l’habitat per scorfani, labridi, castagnole e salpe. Nella zona di marea si incontrano vari molluschi gasteropodi (Patella caerulea, Littorina neritoides, Monodonta turbinata, Clanculus corallinus, Haliotis lamellosa) e crostacei (Pachigrapsus marmoratus, Eriphia spinifrons, Maja verrucosa, Balanus perforatus), man mano che aumenta la profondità cambia il paesaggio e si incontrano biocenosi spettacolari con esemplari appartenenti ai celenterati che si presentano sotto forma di colonie giallo-arancio che tappezzano intere pareti (Parazoanthus axinellae, (Astroides calycularis), come ventagli arborei con i polipi espansi (Eunicella cavolinii, Eunicella singularis, Paramuricea clavata) o come anemoni di mare (Actinia equina, Anemonia sulcata, Cribrinopsis crassa) multicolori.

Zonazione

Guarda la mappa

Link

Multimedia

Foto non disponibili